Archivi tag: child

Mentoring Day for Young

qual è il tuo mestiere?

qual è il tuo mestiere?

Una delle attività che più amo e per cui molti studenti si rivolgono a me è fornire delle strategie per ottenere delle abilità specifiche; a volte sono studenti di liceo che giunti a metà del loro ciclo di studio vogliono aumentare la capacità di apprendimento, a volte sono studenti universitari che si rendono conto di attraversare un momento di trasformazione, vogliono capire ad esempio se continuare a seguire quel percorso di studio o entrare direttamente nel mondo del lavoro e quindi non sanno come affrontare questo momento e soprattutto come imparare a prendere velocemente delle decisioni, oppure comunicare meglio o trovare un certo equilibrio tra vita privata ed aspirazione professionale.

Di volta in volta effettuo un tipo di intervento diverso a seconda delle esigenze delle persone: a volte mi capita di lavorare con giovani studenti che hanno intrapreso un determinato percorso lavorativo o di studio perché nella loro famiglia vi era già qualcuno che aveva intrapreso lo stesso percorso e quindi loro sin da piccoli si erano abituati a vedere come si comportavo i loro familiari in quel particolare ambito lavorativo. Respirando quell’aria sin da piccoli hanno carpito anche i segreti del modo di lavorare delle persone che hanno visto; poi però accade qualcosa per cui pur trovandosi ad effettuare lo stesso lavoro o studio che pensavano di conoscere bene, visto che ci erano “cresciuti dentro”, devono affrontare delle situazioni molto diverse rispetto a quelle che hanno dovuto affrontare i loro genitori o parenti, e così si trovano in qualche modo ad adattare quello che hanno imparato sino a quel giorno ad un mondo cambiato o comunque molto diverso. In altre situazioni mi trovo con giovani studenti che invece hanno deciso di intraprendere una carriera o un percorso di studio totalmente diverso da quello intrapreso dai loro familiari, magari discostandosi da quelle che sono state le loro tradizioni familiari, non poche volte anche sfidando delle regole familiari.

In entrambe i casi quando i giovani si rivolgono a me per migliorare le loro prestazioni nello studio o all’interno della loro attività lavorativa, la prima cosa che chiedo loro è quale è stata quella cosa per cui hanno iniziato quel particolare studio od attività oppure di descrivermi il momento esatto e le sensazioni o emozioni che provavano quando hanno fatto quel tipo di scelta. Il primo consiglio che cerco di dare sempre è proprio quello di linkarsi nuovamente con quel tipo di passione che ha generato l’entusiasmo originario, quello che avevano quando hanno iniziato a studiare proprio quella cosa lì ;-)

Solitamente è qualcosa che quando hanno iniziato a farla, ha portato loro un immediato successo, una cosa per cui, anche con poca fatica li faceva rendere al meglio all’interno di un determinato ambito, qualcosa per cui le persone che li circondavano, familiari e non, trovavano in loro e non non in altre persone che magari facevano la stessa cosa.

Nella maggior parte dei casi infatti quello che accade è che quella particolare UNICITA’ di cui tutti siamo dotati con l’andar del tempo si affievolisce . Lo scopo principale dell’attività di Mentoring diventa quindi quello di insegnare a riconoscere il proprio talento unico, successivamente coltivarlo ed accrescerlo ed infine farlo emergere nell’ambito dello studio o del lavoro. Esiste una strategia efficace per farlo e se vuoi posso insegnartelo nel corso del Mentoring Day for Young riservato ad un gruppo ristretto di giovani . Se ti interessa quindi conoscere la “tecnologia” più evoluta e veloce che conosco, ti consiglio di prenotarti subito attraverso questo link.

Mentoring Day for Young

Ti aspetto a presto

La timidizza a scuola si vince con “LIE TO ME”

Nel corso dei miei studi universitari fui molto colpita dalle ricerche dello psicologo americano Paul Ekman, denominate Facial Action Coding System (FACS) e certo non avrei mai potuto immaginare che l’avrei utilizzato per la mia attività di Mentoring: la ricerca più famosa pubblicata nel 1978 codificava le espressioni facciali che l’essere umano utilizza istintivamente quando prova alcune emozioni . Ovunque nel mondo esistono solo 6 espressioni facciali riconoscibili : tristezza, sorpresa, rabbia, disgusto, paura e gioia. La scoperta vera e propria fu quella di “codificare” l’esatta combinazione di muscoli che gli esseri umani mettono in atto ogni volta che si trovano a provare una delle 6 emozioni oltre ad un grande numero di microespressioni ,della durata massima di un venticinquesimo di secondo, che rivelano se la persona sia sincera o meno. Vi ricordate il telefilm “lie to me” 🙂 .
Dopo aver Studiato Ekman mi chiesi immediatamente:
“Cosa succederebbe se tutti gli studenti timidi che durante le interrogazioni risultano poco credibili o convincenti fossero riusciti ad utilizzare i muscoli facciali giusti durante la loro esposizione orale?”
La risposta mi è arrivata molto più tardi quando madre di una ragazza che frequentava la scuola media le consigliai di ripetere quanto aveva studiato di fronte uno specchio; le prime volte questo consiglio ha generato grande divertimento ma con l’andare del tempo mia figlia, così come gli altri studenti che seguivo nel percorso di mentoring, si “scoprivano” immediatamente quando stavano dicendo cose sbagliate oppure poco convincenti, un po’ come fa il dr. Lightman nel telefilm “Lie to me”!
Inoltre la necessità di dover parlare di fronte a qualcuno che ti osserva pone automaticamente la necessità di doversi organizzare per superare quei drammatici 5 minuti iniziali che in fondo caratterizzano tutto l’andamento psicologico e quindi il rendimento di un esame .
In altri campi, quali quelli della vendita, questi fatidici 5 minuti dove lo studente vuole convincere l’insegnante di aver studiato, viene definito APPROCCIO ed è fondamentale saperlo gestire nel modo giusto in modo da “PILOTARE” ( si è proprio vero è così) tutto il resto dell’esame od interrogazione o colloquio di lavoro e tutte le altre mediazioni dove si vuole far scaturire nel nostro interlocutore emozioni positive.

La buona notizia è che imparare a “PILOTARE” un esame si può, pertanto se ti interessa contattami attraverso il formulario della pagina dei contatti verrai richiamato al più presto
Ciao
Roby

Perché parlo di educazione attraverso il social network

Da anni mi dedico alla comunicazione su temi relativi all’educazione e benessere. L’ho fatto, e continuo a farlo, con tutti i mezzi a mia disposizione: libri, radio, televisione, web, newsletter, webinar, twitter e conferenze…chi mi conosce bene, e da tempo, sa quanto questo sia vero.

La scoperta dei social network mi ha fatto apprezzare uno strumento di comunicazione, a mio parere, ancora più potente. Mi spiego meglio. Pur non potendo prescindere dal lavoro fatto sugli altri media (che va comunque mantenuto) il social network permette un intervento di comunicazione su più livelli simultaneamente ( scrittura, video, audio…) e in tempo reale, con la simultanea interattività con chi ti segue.

Vi dico di più, è proprio chi partecipa a tutto questo (amici di facebook, followers..) che dà ancora più forza alla comunicazione. Faccio un esempio: un conto è che sia solo io a dire che solo se si impara a riconoscere e seguire le proprie passioni si potrà essere veramente felici, un altro conto è leggere un post con 10-20 commenti e talvolta anche di più, di persone di tutte le estrazioni, età, sesso, interessi, cultura… che raccontano la stessa cosa con la forza e l’entusiasmo di chi vive in prima persona tutto questo. E così potrei fare decine di altri esempi dove le notizie, i file audio o i video che io pubblico sono magnificate da commenti ulteriori, pubblicazioni, condivisioni su altre bacheche da parte di chi vive insieme a me questo entusiasmo per l’educazione e la realizzazione personale degli adolescenti .

Tutto questo, e molto altro, mi spingono a continuare e a incrementare l’uso di questo strumento come mezzo per diffondere le mie conoscenze sullo sviluppo personale e professionale.

Grazie di cuore quindi a tutti i miei circa 7500 click sui miei articoli!!!

La differenza tra Vittoria e Successo

Nel corso della mia esperienza di educatore, come madre, insegnante di inglese, formatore professionale e coach sportivo ho cercato una definizione unica di SUCCESSO qualcosa che desse ai giovani, sotto la mia “supervisione”,  😉  sia nello sport che nell’insegnamento …qualcosa a cui aspirare che NON fosse solo un voto più alto in classe o il punteggio più alto in una gara sportiva!

Infatti già in un  mio precedente articolo “Battere se stessi” avevo evidenziato la mediocrità dell’educare i giovani a essere migliore di qualcun altro; suggerendo invece  di trasmettere l’idea di “imparare dagli altri” cercando di abbattere le PROPRIE barriere mentali ed abbattere i PROPRI limiti, lavorare per raggiungere la capacità di esprimersi al meglio perché  questo è qualcosa che si puo’ controllare; lasciarsi assorbire, coinvolgere o preoccupare troppo dalle cose su cui non si ha il controllo (la performance di un altro atleta o l’interrogazione di un compagno di classe) INFLUENZA NEGATIVAMENTE  le cose su cui si ha il controllo ( le proprie abilità ). 

Se ci si sforza a fare del proprio meglio, cercando di migliorare la situazione in cui ci si trova ritengo che quello sia il SUCCESSO. E non  ritengo che gli “altri” lo possano giudicare . 

E’ un po’ come la differenza tra la REPUTAZIONE ed il CARATTERE; la reputazione è come tu sei percepito il carattere è ciò che si è realmente e credo proprio che il carattere sia molto più importante di come tu sia percepito e questo perché nel corso della vita non saranno necessariamente uguali, e questa è una delle idee che cerco di trasmettere ai giovani. 

Per quanto mi riguarda  ho realizzato che finalmente, sono diventata una persona più autentica e più simile a chi ho sempre sentito di essere e questo per me rappresenta il mio vero personale SUCCESSO.

Quindi mi piacerebbe sapere: quale è il SUCCESSO che desiderate per vostro figlio? 

Vi aspetto per parlarne insieme sulla pagina di FB o attraverso twitter

 Ciao

Come arrivare “primi” senza far fatica

Attraverso Wired.It,  anche nota come la “Bibbia di Internet”, è stato riproposto un interessante esperimento attraverso il quale si voleva dimostrare che anche attraverso outsider musicali totali senza particolari conoscenze musicali né investimenti economici si potesse arrivare alla cima della Top Ten musicale, nell’esperimento si sono “buttati” i “Power Francers” 3 giovanissimi ragazzi abruzzesi brillanti esponenti del web-pop di oggi . Questi ragazzi nello stupore generale hanno riportato un incredibile successo con il tormentone “Meglio all’inferno con i tacchi che in cielo con le ballerine!”, canzone e video capace di raggiungere l’esorbitante quota di 6 milioni di visualizzazioni.

 Anche in questo caso la rete è stata palestra e trampolino per chi vuole coltivare la propria creatività infatti la genesi della nuova canzone è stata concentrata in una sola giornata, dalla mattina alla sera, un ciclo di produzione velocissimo per una possibile hit da classifica.

Questi ragazzi hanno racchiuso in 3 punti principali la loro attività per centrare l’obbiettivo finale: 

  1. Per l’ISPIRAZIONE capire innanzitutto CHI SIAMO e cosa ci sta succedendo attorno, infatti sono onnivori di riviste e siti web così come ascoltatori compulsivi di musica del passato e del presente, pop e dance soprattutto. Riferimenti precisi e giusti per cercare di sbancare la classifica;
  2. Per la REALIZZAZIONE affidarsi ad un MENTORE una figura di riferimento decisamente professionale capace di fare decisamente la differenza in questo caso un produttore musicale capace di trovare il “suono giusto al momento giusto”;
  3. Per la DIFFUSIONE del proprio progetto bisogna costruirci intorno una STORIA CHE FUNZIONI e che possa incuriosire il pubblico gli addetti al settore . 

Questo è un altro esempio di come sia stato possibile per ragazzi decisamente in gamba,  raggiungere il loro personale successo in un modo apparentemente SEMPLICE. 

Attraverso la mia attività di Mentoring scolastico e professionale è possibile assumere un atteggiamento utile a compiere le GIUSTE azioni per veicolare il proprio talento ed ottenere i risultati che si desiderano. 

Per maggiori informazioni puoi contattarmi attraverso twitter @robertatarsitan o la Pagina di FB Roberta Tarsitano Advising

Con le Apps si diventa bravi a scuola

Nel corso del mio ultimo viaggio a Madrid ho potuto nuovamente constatare di persona come sia totalmente cambiato il sistema di apprendimento da parte dei giovani, attraverso una  App  GRATUITA (applicazione per IPhone) era possibile conoscere la storia di ogni quadro presente nell’ imponente Museo del Prado; in un modo quindi semplice, veloce e vi assicuro assai più divertente era possibile venire a conoscenza di informazioni che prima ci venivano impartite in maniera, diciamo la verità assai più noiosa!!! Quanti sbadigli durante le visite guidate delle gite scolastiche , o no? 😛

L’andare a scuola,  come dice Bandura, lo si può considerare la sfida cognitiva e motivazionale più impegnativa che il bambino affronta nel suo percorso di crescita. Non a caso la definisco una sfida perché:

1) il cervello opera in modo sinergico costruendo enormi strutture sulle basi di altre già preesistenti, pertanto una mancanza momentanea può avere una ricaduta che può produrre, in seguito, delle difficoltà nella stessa disciplina o in altre materie, correlate ad essa;

2)  la scuola mette in evidenza  agli “altri” le proprie capacità o incapacità per cui, per alcuni studenti, l’essere esposti al giudizio degli altri o essere solo oggetto di osservazione è fonte di stress, tensione, ansia.

Numerosi studi hanno dimostrato e confermato che molti insuccessi scolastici sono dovuti ad una semplice incompatibilità tra lo stile d’insegnamento e quello di apprendimento (Stemberg 1996). Tutto questo porta alcuni studenti a credere di “non essere portati” per questa o quella disciplina scolastica, solo perché è stata insegnata in modo da essere percepita ostica e complicata, proprio a causa del  diverso modo di spiegare (ad esempio in modo descrittivo, per immagini) e di apprendere (ad esempio in modo più dinamico e coinvolgente). Questo può portare lo studente ad andare incontro all’insuccesso scolastico malgrado le sue capacità, ed impegno nello studio.

Nella mia esperienza ho potuto riscontrare inoltre la persistenza di un insuccesso scolastico porta, in genere, ad una serie di processi(comportamenti) che concorrono a realizzare la profezia autoavverantesi, cioè lo studente si aspetta di non riuscire e adotta un comportamento posto a confermare questa sua previsione.

Indipendentemente dalla motivazione, ai primi insuccessi egli incomincia a considerare le sue capacità di prevedere di riuscire o meno riducendo il grado di autoefficacia. Questo significa che il risultato sarà piuttosto quello di non riuscire nello svolgimento di un compito che di farcela.

Se lo studente si trova nelle condizioni di non poter evitare di affrontare  un compito che pensa di non riuscire a fare, entra in uno stato di ansia che comporta un’alterazione del suo stato fisiologico e ciò induce la sua mente ad occuparsi di queste variazioni fisiche con conseguente riduzione delle sue capacità cognitive. Si ha, inoltre, un aumento della motivazione a SOTTRARSI a queste condizioni di malessere, ed ecco perché gli studenti che hanno difficoltà a portare a termine la loro preparazione hanno sempre meno motivazione ad andare avanti.

Nella mia attività di Mentoring scolastico la prima sfida che cerco di vincere quindi con lo studente è quella di FAR CESSARE tutta quella serie di COMPORTAMENTI che concorrono a CONFERMARE le sue CREDENZE NEGATIVE sullo studio.

Il mio obbiettivo finale è quello di frar accedere lo studente in quello stato prima somatico e poi emotivo attraverso il quale tutto quello che si fa, avviene NATURALMENTE e  BENE.

Il processo attraverso il quale si accede in questo stato generativo di cui ho potuto riscontrare, personalmente, la sua efficacia è il ReSonance che sto strutturando appositamente per i giovani dai 12 ai 25 anni.

Se vuoi saperne di più puoi contattarmi attraverso la Pagina di FB Roberta Tarsitano Advising o attraverso twitter.

A presto!

Quando il talento non basta….

Gli allenatori  più aggiornati cioè quelli che svolgono anche la funzione di mental coach sanno benissimo che il talento da solo non basta per raggiungere certi obbiettivi sportivi e questo è valido anche nella vita personale e professionale.

IL TALENTO VA COLTIVATO

Il tutto sta nella Teoria delle 10.000 ore. Per fartela brevissima, alcuni scienziati hanno seguito dei violinisti e, con esperti del settore, li hanno divisi in tre categorie:

Quelli con un futuro brillante; Quelli bravi; Quelli scarsi.

Tutte e tre le tipologie di violinisti avevano cominciato a suonare il violino a 5 anni. I ricercatori hanno fatto delle analisi approfondite e hanno notato che:

  • Gli “scarsi” si erano esercitati per meno di 4.000 ore;
  • I “bravi” si erano esercitati per un massimo di 8.000 ore;
  • Quelli giudicati con un “futuro brillante” si erano esercitati per una media di 3 ore al giorno… per un totale di minimo 10.000 ore!

10.000 ore sono tantine… tanto per capirci sono: per 9 anni circa 3 ore al giorno.

Questa teoria mi piace molto perché risponde a tutti quelli che diconoEh va beh grazie…..ma quello ha talento!insomma possiamo dirlo apertamente che questo modo di pensare è una gran cavolata!

Eppure attraverso l’osservazione dei percorsi professionali seguiti da molti personaggi di successo tipo Carolina Kostner, attuale campionessa mondiale ma anche Bill Gates, i Beatles o i giovanissimi One Direction, hanno dimostrato che anche questo spesso NON BASTA!

C’é qualcosa che ti fa alzare la mattina presto anche quando potresti dormire, ti da una grande sensazione di benessere quando fai quello che devi e soprattutto se sai di averlo fatto bene, ti fa sentire in colpa se non riesci ad organizzarti per fare quello che ti piace, non ti fa sentire il peso dei sacrifici che fai per dedicarti a quel tipo di allenamento, insomma quello di cui sto parlando si chiama ….PASSIONE!

Anche questo gli allenatori, mentori, mental coach, maestri o comunque si vogliano chiamare, i più bravi lo sanno,  come sanno che l’unico modo per innescare una vera e propria PASSIONE per quello che fai e’

IL DIVERTIMENTO

Creare un AMBIENTE MOTIVANTE attorno alla persona che vuole raggiungere certi risultati (anche prima delle 10.000 ore 😉  ) è l’elemento comune a tutte le storie delle persone che hanno raggiunto il LORO PERSONALE SUCCESSO!

Se vuoi sapere come fare, contattami attraverso twitter o la Fan page di FB Roberta Tarsitano Advising

Non c’é vento a favore per il marinaio che non sa dove andare … quindi datti una mossa e trova la TUA direzione.

Ho una confessione da fare, ogni qual volta affronto una discussione sui bambini e l’istruzione tendo ad INFERVORARMI ed ultimamente questo accade sempre più spesso, ed anche questo credo sia un indicatore dei tempi in cui viviamo. Sono arcistufa di leggere articoli o peggio sentire professori e genitori che dicono “i Social Media (Facebook o Twitter) allontanano dallo studio delle materie FONDAMENTALI per la formazione accademica”, come se quest’ultima fosse la soluzione all’attuale crisi economica MONDIALE!

Al riguardo sposo pienamente la tesi del Pedagogista inglese Ken Robinson: “il nostro intero sistema EDUCATIVO è ancora basato sull’idea di abilità accademiche” e questo per una ragione fondamentale: tutto il sistema è stato inventato – in tutto il mondo non c’erano scuole prima del XIX secolo – secondo lo stile economico dell’epoca, infatti il 20° secolo era caratterizzato da una economia dominata dal pensiero di Frederick Taylor e il suo lavoro THE SCIENCE OF PRODUCTIVITY, secondo cui la produttività proveniva da una maggiore efficienza per cui anche il SUCCESSO era correlato alla possibilità di creare beni e servizi nel modo più VELOCE ed ECONOMICO possibile con una forza lavoro che riuscisse a TESTA BASSA a sopportare cicli di lavoro incessanti e che incoraggiassero sempre maggiore velocità e precisione.

L’intero sistema educativo quindi era stato progettato e strutturato per venire incontro ai fabbisogni industriali, per creare cioè una massa di persone che fossero in grado di funzionare secondo criteri di MECCANICA ed EFFICENZA, ma I TEMPI SONO CAMBIATI!

L’attuale sistema economico e la sua IMPREDICIBILITA’ hanno delineato i NUOVI criteri correlati al successo economico e cioè:

INNOVAZIONECREATIVITA’SPIRITO IMPRENDITORIALE

Si assiste a quello che da molti viene definito un vero e proprio cambio di paradigma : da una società basata sui TITOLI di STUDIO a SOCIETA’ della CONOSCENZA, quest’ultima strettissimamente legata alla Tecnologia (Social Media compresi) ed alle informazioni cosiddette OPEN SOURCE cioè accessibili gratuitamente in rete.

E’ assolutamente vero che sono spariti tanti “mestieri” di una volta ma è altrettanto vero che ce ne sono di NUOVI e sono sicuramente MOLTI DI PIU’; INNOVAZIONE – CREATIVITA’ – SPIRITO IMPRENDITORIALE sono accessibili a CHIUNQUE purché in linea a quelle che sono le

TUE REALI ABILITA’ E TALENTI

E per questo ti chiedo

SEI A CONOSCENZA DI QUALI SONO LE TUE REALI ABILITA’ ? SAI “CONNETTERLE” ALLE ENORMI OPPORTUNITA’ PROFESSIONALI CHE CI SONO ATTUALMENTE?

Il sistema più efficace che conosco e che è oggetto dei miei studi è il ReSonance che sto strutturando appositamente per i ragazzi in età evolutiva, se vuoi saperne di più puoi contattarmi attraverso FB o Twitter.

Nessuna scuola è migliore……rispetto ad un buon Plum-cake alle mele!

Nessuna scuola è migliore……. rispetto a un buon Plumcake alle mele. 

Gli insegnanti/educatori più aggiornati conoscono il valore della creatività

più del cosiddetto “PROGRAMMA SCOLASTICO”.


La creatività è INDISPENSABILE per applicare l’immaginazione .
Spesso si ha una visione ristretta della creatività in generale, ma si può essere creativi con qualsiasi cosa, dalla cucina alla gestione di un’impresa; tutto ciò che riguarda la nostra intelligenza  quindi, in quanto la creatività è un processo di produzione di idee originali che hanno valore. Ogni attività creativa, infatti ha un suo VALORE intrinseco ma le persone spesso non ne riconoscono la potenzialità anche se arrivano a TRASFORMARE le nostre culture come è acceduto per l’IPhone che nessuno ci ha detto di comprare, MA E’ SUCCESSO! 

La buona notizia è che la creatività si può IMPARARE, non è innata in quanto:

1. Ognuno ha potenziale creativo

2. L’innovazione è  figlia della fantasia

Come afferma lo stesso Sir Ken Robinson, la vera  INNOVAZIONE consiste nel mettere in pratica le buone idee e questo vale per un leader manager di una impresa come per un MENTORE  per i suoi allievi.

L’attuale sistema scolastico/educativo non si è ancora adeguato a questo nuovo cambio di paradigma che mette in primo piano la personale creatività e questo è stato evidenziato anche da alcune ricerche effettuate su 1500 persone intervistate in età diverse, allo scopo di verificare la loro propensione alla GENIALITA’, ed  i risultati sono stati sbalorditivi:

  • i bambini dell’asilo di età compresa tra 3-5 hanno mostrato un tasso di propensione alla genialità pari al 98%;
  • si è effettuato lo stesso test cinque anni dopo ed il tasso è sceso vertiginosamente al 32%;
  • per i ragazzi di età compresa tra 13-15 si scende nuovamente al 10%  sino ad arrivare alla media evidenziata dai ragazzi di 25 anni, di solo il 2%!

Nella mia esperienza di Consulente Educativo ho potuto riscontrare che riappropriarsi di queste capacità consente di migliorare in vari aspetti della propria vita: scolastica, lavorativa e delle relazioni, e la sua efficacia è dimostrata dal fatto che oramai già da qualche anno in molte Università italiane si è inserita la figura del TUTOR UNIVERSITARIO .

Se vuoi ricevere maggiori informazioni sul percorso attraverso il quale è possibile imparare a comunicare ed interagire con gli altri efficamente per ottenere ciò che vuoi per tuo figlio puoi contattarmi via twitter o attraverso la FB page oppure visita il sito www.somaticamente.com

Ciao Ti aspetto

E se l’Erasmus non finisse mai?

Mentre scrivo questo pezzo mi trovo a Madrid(insostituibile IPad!) in viaggio di piacere con mia figlia  e mi rendo conto che lei è la mia più grande fonte di ispirazione.

Infatti mentre giriamo tra le piazze di questa bellissima città, mia figlia viene colpita dalla movida spagnola caratterizzata per la maggior parte dai ragazzi che si trovano qui per frequentare l’Erasmus cioè il progetto che da la possibilità ad uno studente universitario europeo di effettuare in una università straniera un periodo limitato di studio. Perché quando si chiede dell’Erasmus a qualcuno che l’ha fatto gli si illumina lo sguardo, la bocca si spalanca in un sorriso a 36 denti e gli occhi gli diventano lucidi di nostalgia, gioia e commozione? Possiamo definirla una sorta di “sindrome da Post Erasmus”, quella strana luce negli occhi ed il tremolio nella voce quando un giovane studente parla della sua esperienza all’estero? I più entusiasti e soddisfatti sono convinti di aver vissuto un’esperienza bellissima, che li ha arricchiti personalmente e culturalmente. Di aver allargato i propri orizzonti (mentali e non). Hanno apprezzato il clima multiculturale, la possibilità di toccare con mano un mondo variegato. Solitamente dicono di avere conosciuto delle belle persone, fatto un’esperienza irripetibile, vissuto in una città bellissima. Insomma si sono divertiti un sacco! Sono infine dispiaciuti che sia finita, ma sapevano che ci sarebbe stato un principio e una fine e se ne fanno una ragione, prima o poi.

La sensazione che si vive generalmente è assolutamente “generativa” e questo perché si arriva in un posto dove nessuno ti conosce ed ha particolari aspettative  per cui si è in qualche modo finalmente liberi di essere “se stessi” . I giovani reagiscono a questi stimoli fissando nella loro mente piazze strade, angoli, locali e soprattutto diventando particolarmente EMPATICI con le persone anche con vite ed esperienze totalmente differenti dalla propria . In questo particolare stato d’animo dove si è liberi dai condizionamenti esterni e dove si impara a prendere decisioni per se stessi è più facile trovare chiarezza su chi sei o chi vuoi essere sia nella vita personale che in quella professionale agendo da una posizione in cui ci si sente “al meglio” .

E se fosse possibile non guarire mai dalla “Sindrome da Post Erasmus” ?

Ho approfondito lo studio del Modello di Trasformazione Personale e Professionale ReSonance proprio perché il suo punto di partenza è quello di rendere disponibile SEMPRE una posizione in cui si prendono decisioni e si compiono azioni coerenti con CHI SEI. Integrandola con una serie di esercizi creativi ispirati dalla nuova prospettiva pedagogica di Ken Robinson si può effettuare quello che io ho definito in un mio precedente articolo un UPDATE YOUR PERSONAL STORY.

Per chiunque fosse interessato ai miei studi può contattarmi direttamente attraverso twitter o attraverso la FB page.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: